Il lavoro nella fabbrica di scarpe Lucky shoe (magazzino 26)

Inviato da augusto il Dom, 08/20/2017 - 11:46
Testo
"Go leto casa che i ga dito su la fabbrica. No commento, solo penso che chi no sa doveria informarse prima de dir scempiaggini. Ve digo mi un poco come iera. Prima de tutto, iera tre reparti. El primo dove se taiava e cusuva a machina. El secondo, el mio reparto, dove incolavimo insieme le robe e el terzo reparto , dove i spediva le scarpe finide. Noi facevimo sai sandali de rafia. Ma tanti. Sia con el taco alto, sia con quel più baso. Dopo el primo reparto i omini le meteva in forno e dopo le pasava a noi done, che metevimo la cola per le siole."
Un lavoro da catena di montaggio che a volte si inceppava .... "Che diol, quela volta che me go ciapa la man mi. Cosa go fato? Frezavo (sfregavo). Non so cosa che frezavo con la carta de vetro, sono andata soto con el dito e me ga porta via tuto. Son andada in infortuni quela volta, due setimane, e go ancora el segno."
"Qusndo spetavo el primo fio ghe go dito al signor McCann che me licenziavo e lui subito me ga proposto de restar". E dove avrebbe messo il figlio? "Ah, McCann gaveva una soluzion, meterlo sul carel e farlo andar su e zo con le scarpe. Però iera bel, tornasi indrio a lavorar subito. Che bel, E che ridade!"
Da un intervista alla signora Anno riportata dal Piccolo del 20 agosto 2017